BFC

BFC

martedì 12 dicembre 2017

Le pagelle di Milan - Bologna

Mirante 5,5: non ha particolari colpe sui gol ma è sempre poco reattivo, inguardabile nei rinvii
Torosidis 6: forse la miglior partita in rossoblu, macchiata dall'errore sul secondo gol del Milan
Gonzalez 5,5: manca spesso posizione e recupero, sul primo gol poteva fare di più
Helander 6: il meno peggio in difesa, poco elegante ma determinato
Masina 6: cerca faticosamente di ritrovare il gioco
Nagy 5,5: pur essendo tra i pochi a cercare l'nserimento, è sempre mal posizionato
Pulgar 6: non commette errori, ma troppo timido nel costruire
Donsah 5: tanti, troppi errori in costruzione non compensati da azioni di rilievo
Palacio 6: meno ispirato del solito anche se qualche giocata la regala
Verdi 6,5: più impegnato a difendere, trova però un gol importante
Destro 6,5: molto determinato, trova l'assist per il gol

Taider 6: ordinato

Okwonko 5,5: non entra mai in partita
Petkovic sv

 

Donadoni 5,5: non riesce a dare la giusta motivazione

Migliore in campo:Verdi
Peggiore in campo: Donsah

Voto squadra: 5,5

MILAN - BOLOGNA 2 - 1

I rossoblu continuano a non smentirsi e riescono a far risorgere l'ennesima squadra in crisi, regalando a Gattuso la prima vittoria. Il Milano si dimostra poca cosa e sarebbe l'occasione giusta per approfittarne, invece il Bologna si presenta a San Siro morbido e deciso a giocare di rimessa, pensando più al pareggio che a fare il colpaccio; atteggiamento che non ha mai dato risultati.
Squadra poco determinata e pressing basso permettono al Milan di impostare la partita, andando in vantaggio con il solito svarione difensivo. Il tempo di recuperare però c'è e i nostri trovano il pareggio con il gol di Verdi. Poi di nuovo l'apatia, quando sarebbe bastato insistere un po' per far cadere un Milan già traballante. Alla fine invece sono i padroni di casa a trovare il vantaggio, approfittando ancora una volta della difesa molto morbida.
Sconfitta abbastanza immeritata per i valori in campo, ma sostanzialmente giusta per l'approccio alla gara. E' necessario cambiare atteggiamento per poter fare la differenza.

martedì 5 dicembre 2017

Le pagelle di Bologna - Cagliari

Mirante 6: poco reattivo nelle uscite, salva il possibile raddoppio ospite
Mbaye 5,5: partita poco ispirata, perde spesso l'avversario
Maietta 5: il suo errore causa il gol, non butta via palla e si ferma a protestare
De Maio 5,5: bene di testa, pessimo di piede
Masina 6,5: partita di sostanza con attenzione in difesa e propositivo in attacco, suo l'assist
Poli 6: meno lucido del solito, sbaglia un gol a porta vuota
Pulgar 6,5: regge il centrocampo con attenzione
Donsah 5,5: come spesso accade alti e bassi, troppi errori in impostazione
Palacio 6,5: il gioco del Bologna passa sempre da lui
Verdi 6: parte bene, trova buoni spunti poi lentamente si spegne
Destro 6,5: a volte sparisce dall'azione, comunque trova il gol

Okwonko 6: non determinante ma prova sufficiente
Petkovic sv

 

Donadoni 6: il gioco è meno intenso e errori in difesa determinano il risultato, cambi forse tardivi

Migliore in campo:Masina
Peggiore in campo: Maietta

Voto squadra: 6

BOLOGNA - CAGLIARI 1 - 1

Nella partita dove si può iniziare a pensare a fare un campionato diverso, come troppo spesso accade il Bologna fallisce l'occasione. Contro un Cagliari ordinato ma complessivamente modesto, i rossoblu non vanno oltre un sofferto pareggio. Il solito svarione difensivo viene pagato subito caro e l'affannosa rincorsa al gol porta il pareggio solo nel finale, non lasciando altro tempo per cercare il vantaggio. C'è comunque da rimarcare come i giocatori non si siano lasciato prendere dallo sconforto e abbiano cercato il gol con veemenza.
Discorso a parte merita l'arbitraggio, decisamente censurabile, non tanto per avere la scusa ma per rimarcare l'inadeguatezza dell'attuale classe arbitrale: è impensabile vedere decisioni diverse su azioni uguali nella medesima partita (Destro ammonito per un mani a centrocampo, Verdi preso a gomitate senza neanche fallo; interventi sulla trequarti a fermare l'azione a volte fischiati con ammonizione a volte no). E' impensabile inoltre che due evidenti falli da rigore non siano stati sanzionati, neppure usando il famigerato VAR (intervenuto per un fallo analogo nella precedente gara con il Crotone); in partite equlibrate sono errori che fanno la differenza, bisognerebbe essere più attenti.

lunedì 27 novembre 2017

Le pagelle di Bologna - Sampdoria

Mirante 6,5: non parate memorabili ma finalmente una presenza attenta e reattiva
Mbaye 7,5: insuperabile in difesa, lucido in proposizione, trova anche il gol
Maietta 6,5: buttato in mischia alla fine dopo mesi, non perde la sua lucidità
De Maio 6,5: prova buona, sempre presente specie di testa
Torosidis 5,5: evitabile il primo giallo, inventato il secondo, fino ad allora non stava facendo male, doveva però avere più lungimiranza
Poli 6,5: corre tra copertura e inserimento per tutta la partita
Pulgar 6,5: trova la posizione davanti alla difesa, a volte un po' timido nell'impostazione
Donsah 6,5: come sempre alti e bassi in special modo nella costruzione, ma quando può strappare è devastante
Palacio 6,5: più gioco di supporto che di punta, in ogni caso imprescindibile
Verdi 6,5: trova gol e qualche giocata, può comunque fare meglio
Destro 6,5: altra prova di sacrificio, innesta l'azione del primo gol

Okwonko 7: entra e segna, ancora una volta
Masina 6: dopo le ultime prove, fa il suo senza errori
Taider 6: anche lui al rientro dopo tanto, non fa errori

 

Donadoni 7: ridisegna la difesa e trova la giusta chiave, indovina ancora una volta i cambi

Migliore in campo: Mbaye
Peggiore in campo: Torosidis

Voto squadra: 7

BOLOGNA - Sampdoria 3 - 0

Le premesse per una crisi profonda c'erano tutte: una serie di sconfitte, l'arrivo di una delle squadre più in forma, un arbitraggio molesto. Alla fine però il risultato è stato premiante, i rossoblu hanno fatto forse la miglior partita della stagione (dopo quella con l'Inter), domando la Sampdoria nel primo tempo, resistendo in dieci allo sciagurato errore dell'arbitro (ma una sorta di VAR postpartita per dare un voto all'arbitraggio no?) e trovando il colpo vincente con il "solito" Okwonko appena entrato.
Risultato incoraggiante che regala un temporaneo settimo posto in classifica, che da tempo non si vedeva. Soprattutto la squadra ha saputo soffrire con il suo reparto più debole (e ricostruito da zero) e ottimizzare le azioni offensive.

mercoledì 22 novembre 2017

Le pagelle di Verona - Bologna

Mirante 5: al rientro non dimostra grande affidabilità, uscite pericolose e pochissima reattività
Krafth 5: ormai non si capisce perchè sia ancora in campo
Helander 6: in una difesa che sbanda è forse l'unico che mantiene un minimo di lucidità
Gonzalez 5,5: poco attento ed impreciso
Masina 5: cerca la spinta ma dimentica del tutto la fase difensiva
Poli 6: sempre attivo tra recupero e inserimento
Pulgar 6: svolge bene il suo compito, forse qualche spunto in più sarebbe apprezzabile
Donsah 6,5: partita insufficiente, troppi errori negli appoggi ma il suo "strappo" decide la vittoria
Palacio 6,5: non punge come punta ma sempre mobile e propositivo
Verdi 5,5: partita opaca con qualche breve spunto
Destro 6,5: buona gara e finalmente trova il gol

Okwonko 6,5: gioca pochi minuti ma è determinante
Mbaye 6: partita senza errori
Falletti 5,5: in pochi minuti spreca due ottime occasioni

 

Donadoni 6: la squadra gioca male, la difesa è sempre posizionata male, ma i cambi gli danno ragione

Migliore in campo: Destro
Peggiore in campo: Krafth

Voto squadra: 6