BFC

BFC

venerdì 29 aprile 2016

Le pagelle di Bologna - Genoa

Mirante 6,5: impegnato solo un paio di volte ma decisivo
Rossettini 6: in fascia riesce a far pochi danni
Gastaldello 6: sufficiente ma una svista poteva costare cara
Maietta 6,5: sempre il più efficace in difesa
Masina 6,5: preciso e attento
Brighi 6,5: buona prova di contenimento
Brienza 7,5: schierato come regista avanzato determina la partita con due assist
Taider 6: discreto in copertura ma quando bisogna costruire...
Rizzo 6,5: propositivo e reattivo
Giaccherini 6,5: non al meglio am il gol è fondamentale
Floccari 6,5: gol fortunoso ma partita intensa

Zuniga 6: senza infamia nè lode
Constant sv
Ferrari sv
 
Donadoni 6,5: dopo Napoli poteva essere difficile recuperare la squadra, riesce affidandosi agli uomini migliori

Squadra 6,5

Il migliore: Brienza
Il peggiore: Taider

BOLOGNA - GENOA 2 - 0

Dopo la batosta di Napoli il Bologna era chiamato ad una prova di carattere per non terminare il campionato in caduta libera rientrando nel pericolo retrocessione. Contro il Genoa, abbastanza in clima vacanziero, i rossoblu hanno sapito riprendersi e gestire al meglio la partita. Il controllo della gara è sempre stato in mano al Bologna, che ha creato poco ma in modo efficace trovando due gol con i propri bomber, che hanno dato fiducia la reparto.
Le lacune non sono sparite e bisogna dire che gli ospiti non sono sembrati tanto in campo, ma la vittoria ha dato fiducia e soprattutto i tre punti che probabilmente danno la salvezza.

venerdì 22 aprile 2016

Le pagelle di Napoli - Bologna

Mirante 5,5: sicuramente il migliore, effettua anche qualche buona parata, ma con 6 gol in conto la sufficienza non ci può stare
Mbaye 5: sembra che non sappia mai dove stare, poi quando tocca palla è anche peggio
Rossettini 4,5: utile come un'invasione di locuste
Oikonomu 5: forse il fratello del giocatore che avevamo mesi fa
Constant 4: ogni commento è superfluo
Brighi 5: latita sulla mediana, ha l'unica occasione della partita e la spara chilometri fuori
Diawara 5: sonnecchia con i compagni, con l'aggravante di una ammonizione evitabile che costa la squalifica
Taider 4,5: irritante da quanto riesce a rallentare il gioco
Zuniga 5: forse non aveva capito con chi giocava
Giaccherini 5: ottimista se pensa di andare agli europei con prestazioni del genere
Acquafresca 4: il tabellino lo riporta, ma c'era davvero?

Mounier 5: tanto movimento in poco tempo, senza alcun risultato
Floccari 5: entra già stanco
Kraft sv
 
Donadoni 4,5: ci vorrebbe chiarezza e non la fa, ci vorrebbe intensità e non la trasmette, forse la formazione è per dimostrare a tutti i giocatori che ha a disposizione, però attenzione che lo faceva già Pioli

Squadra 4,5

Il migliore: Mirante
Il peggiore: Constant

NAPOLI - BOLOGNA 6 - 0

Dopo prove brutte, mediamente brutte, decisamente brutte, il Bologna riesce a andare oltre e regalare una prova devastante: non tanto per la sconfitta e se vogliamo anche per il punteggio, ma per come i giocatori sono andati in campo: sembrava in effetti una partita di una squadra di calcio contro delle vecchie glorie, attempate, stance e lente. Una partita che vorremmo dimenticare la più presto e lasciare nel ripostiglio buio dei ricordi pessimi, anche se in buona compagnia.
Non si parli poi di mancanza di motivazioni, professionisti strapagati devono fornire un minimo di prestazione anche in mancanza di stimoli: come ci sentiremmo ad andare in un ristorante tre stelle e farci servire un toast bruciato, perchè il cuoco manca di motivazioni?
La società a questo punto deve intervenire stabilendo regole e decisioni effettive (basta polemiche su chi va e chi resta), stabilire con i giocatori e staff che essere nel Bologna è una scelta e un onore e per chi non la vede così cambiare subito aria.
Questo campionato ormai ha poco da dire, ma la chiarezza è necessaria per costruire il prossimo.
Della partita non dico nulla perchè senno mi torna la gastrite.

martedì 19 aprile 2016

Le pagelle di Bologna - Torino

Mirante 6: quasi mai chiamato in causa, sempre pronto
Oikonomu 5,5: ha la scusante di giocare in un ruolo non suo, ma poca roba
Rossettini 5: voto generoso perchè un paio di salvataggi li fa, ma il rigore è di una ingenuità tale da togliersi immediatamente la titolarità
Maietta 5,5: sempre il meno peggio, ma tante volte perde la posizione
Constant 5,5: vivacchia in fascia senza quasi farsi vedere
Taider 5: quando la palla passa da lui il gioco si blocca immediatamente
Diawara 6: l'unico che ha qualche idea
Brienza 5: in mediana fatica, non copre ma non riesca neppure a supportare l'attacco
Giaccherini 5,5: unico tiro mediamente pericoloso, ma da lui ci si aspetta di più
Rizzo 6: solo un tempo ma non demerita
Floccari 5: non alza la squadra, non gioca in profondità, non tira in porta, è come avere un giocatore in meno

Zuniga 5,5: ruolo non del tutto consono, fa molto poco
Masina 5,5: non meglio del sostituto
Brighi 5,5: molto poco
 
Donadoni 5: se in altre gare ha fatto molto bene in questa peggiora decisamente la squadra, Oikonomu in fascia e Rossettini centrali sono una sciagura, poi era evidente la difficoltà di Brienza e Taider; non ha letto bene la partita

Squadra 5

BOLOGNA - TORINO 0 - 1

Per questa stagione si è ormai capito che il Bologna non è in grado di fare il cosiddetto salto di qualità, ogni volta ne ha avuto l'occasione è naufragato in prestazioni desolanti; ci sono state, e magari ci saranno, delle prestazioni occasionali come contro Juventus o Roma ma nel complesso la pochezza della squadra appare evidente. La prova contro il Torino sottolinea ulteriormente questa linea: le squadre si affrontano in clima da amichevole estiva, con la volontà di non farsi male. Il Bologna non riesce mai a muovere i giocatori senza palla, e le rarissime palle in profondità si perdono nel nulla. L'unica occasione rossoblu arriva da un'azione abbastanza casuale che porta Giaccherini davanti alla porta, ma il tiro finisce sul palo. Per il resto nulla.
Alla fine la vincono non i più forti (il Torino si dimostra ben poca cosa), ma i meno polli: perchè prendere un rigore a tempo scaduto, dopo aver subito due minuti prima una azione identica, è proprio da giocatori di serie inferiore.

giovedì 14 aprile 2016

Le pagelle di Roma - Bologna

Mirante 7: due miracoli e ottima reattività
Mbaye 6,5: poco elegante ma efficace, non sbaglia
Rossettini 6,5: inizia malino in difesa, poi trova il gol e una prestazione discreta
Maietta 6,5: tiene bene giocatori di velocità decisamente maggiore della sua
Masina 5,5: fatica nel contenimento, poco lucido in attacco
Brighi 6: si impegna molto, non male anche se il (brutto) passaggio nell'azione del pareggio è suo
Diawara 7: comanda il centrocampo con lucidità e autorità
Donsah 6: qualche sprazzo di buon gioco
Zuniga 6: non una partita memorabile, ma regge i 90' in un ruolo non suo
Rizzo 7: tiene alta la squadra, combatte su tutti i palloni, tra i migliori
Floccari 6: sufficienza di stima, gioca da solo in attacco ma non trova mai la porta

Pulgar 5: fuori dal gioco, errore che costa il gol
Oikonomu 6: sufficiente
Kraft sv
 
Donadoni 6,5: ridisegna la squadra decimata, trova la risposta dai suoi giocatori

Squadra 6,5

Il migliore: Mirante
Il peggiore: Pulgar

ROMA - BOLOGNA 1 - 1

I rossoblu si presentavano all'Olimpico come vittima di una Roma in forma strepitosa: dopo tre sconfitte e una prestazione sconfortante si poteva solo indovinare quanti gol avrebbero fatto i giallorossi. Invece Donadoni ricostruisce la squadra, decimata da infortuni e squalifiche, con un 451, lasciando solo in attacco Floccari e inserendo centrocampisti ad intasare il campo.
I nostri si dimostrano da subito più reattivi che nelle precedenti occasioni e pur subendo l'attacco della Roma, non disdegnano le ripartenze. Gli uomini di Spalletti cercano la via del gol con uno scatenato Salah ma il portiere e la fortuna matengono la rete inviolata. Il vantaggio, a sopresa, è dei nostri con una precisa incornata di Rossettini.
Il secondo tempo vede la Roma premere, ma è solo sull'errore di Pulgar e su una ripartenza (in fuorigioco, di poco, ma in fuorigioco) che Salah trova il pareggio. I nostri reggono l'assalto e trovano alla fine un pareggio che muove poco la classifica ma molto il morale.

mercoledì 6 aprile 2016

Le pagelle di Bologna - Verona

Mirante 5,5: poco reattivo sul gol, giudica male l'unico altro tiro verso la porta
Ferrari 5:l'impegno è tanto ma fatica in difesa e sbaglia tutto in attacco
Rossettini 6: torna centrale per necessità, ma non sbaglia nulla
Maietta 5,5: complice sul gol, molte imperfezioni
Masina 5,5: non brilla, qualche buon cross sul finale
Taider sv
Diawara 5: qualche buona idea realizzata male, in calando
Donsah 5,5: anche per lui una fse negativa, ha qualche sprazzo di gioco
Mounier 5: inutile
Giaccherini 5: tutto mediamente male
Floccari 5: non trova la posizione, non tira mai una volta in porta

Brienza 5,5: troppo poco
Rizzo 6: tra i pochi, se non l'unico, a tirare verso la porta
Zuculini 6: ritorna dopo tempo, molto reattivo

Donadoni 5: i giocatori che ha sono quelli, ma la disposizione non era otttimale e forse sarebbe il caso di adattare meglio il modulo al tipo di giocatori

Squadra 5

Il migliore: Rossettini
Il peggiore: Floccari

BOLOGNA - VERONA 0 - 1

Dopo la pausa il Bologna era atteso ad una pronta rivincita dalle due sconfitte, ma la partita contro un Verona quasi retrocesso si risolve in una sconfortante sconfitta. La squadra non sembra avere la giusta motivazione, i giocatori sembrano appagati e mancano della grinta che aveva permesso ai rossoblu una eccezionale rimonta.
Il Verona si dimostra poca cosa, ma ha la voglia di combattere; trova il gol su una dormita della difesa di casa e non rischia quasi nulla.
Il Bologna prova a cercae azioni offensive partendo sempre da troppo lontano e concludendo poco e male; tanti errori individuali e anche una cattiva disposizione in campo non permettono di trovare la porta avversaria. Poco altro da dire su una partita decisamente da dimenticare.