BFC

BFC

mercoledì 23 novembre 2016

Le pagelle di Bologna - Palermo

Da Costa 6,5: sul gol non può nulla, per il resto attento e preciso in due interventi
Torosidis 6: partita senza alti nè bassi, ma sostanzialmente sufficiente
Gasteldello 5: altro errore che poteva costare la gara
Maietta 6,5: poco elegante ma sempre efficace
Masina 6,5: attento, bene in copertura e in attacco
Nagy 6: un po' leggero per un centrocampo da serie A, ma molto attivo

Viviani 7: inzio decisamente negativo, ma poi trova assist e gol
Dzemaili 6,5: sempre tra i migliori, trova anche il gol
Rizzo 6: qualche buono spunto ma non brilla
Krejici 5,5: l'errore a inizio gara lo condiziona, poi si perde
Destro 7: gol determinante e partita di spessore

Taider 6: entra bene in partita
Pulgar 5,5: riesce quasi a fare un danno enorme

Okwonko sv


Donadoni 6,5: ritrova i suoi giocatori su cui ha puntato molto, la squadra sembra crescere

Squadra 6,5

Il migliore: Destro
Il peggiore: Gastaldello

BOLOGNA - PALERMO 3 - 1

In questo momento del campionato è iniziato una sorta di minitorneo con le squadre da metà classifica che stabilirà i reali valori in campo; il primo incontro per i rossoblu era contro un Palemro che naviga in pessime acque e veniva al Dall'Ara alla ricerca di almeno un punto.
Gli ospiti hanno subito dimostrato tutti i loro limiti, ma è proprio il Palermo che passa in vantaggio sfruttando l'ennesimo errore di capitano Gastaldello. Il pericolo era che il Bologna si perdesse come spesso è accaduto in passato, considerando anche il brutto inizio di gara di molti uomini. Invece i rossoblu hanno saputo riprendersi e trovare prima il pareggio con un importante gol di Destro e poi ribaltare il risultato con Dzemaili (sempre uno dei più positivi) e Viviani.
Vittorio importante, dunque, non tanto per la caratura dell'avversario (dimostratosi poca cosa) ma per l'autostima del gruppo dopo un periodo abbastanza negativo (e non sempre per colpe proprie).

sabato 12 novembre 2016

Le pagelle di Roma - Bologna

Da Costa 6: può poco sui gol e con qualche parata salva la porta
Krafth 5: non riesce mai a tenere l'avversario
Ferrari 5: esordio del tutto negativo, non adeguato alla serie
Helander 5,5: contro avversari veloci va in crisi, meno peggio di altri
Masina 5,5: va in crisi con tutto il reparto, tenta qualche sporadica avanzata
Nagy 5,5: non riesce mai a far ripartire la squadra, troppo frenetico

Viviani 5: non riesce a gestire il gioco, troppi errori alcuni determinanti
Taider 5,5: tra i meno peggio, ma mai in partita
Dzemaili 6: parte in un ruolo non suo, cerca di spaziare, tra i migliori
Krejici 5,5: cerca fino alla fine di rincorrere pallone e avversari, l'errore iniziale però penalizza
Sadiq 5,5: inizia bene, poi si perde

Destro 5,5: fuori condizione, mai in partita
Pulgar 5,5: pochi minuti molti danni

Torosidis sv


Donadoni 5,5: deve ricostruire una squadra con troppe assenze, ma qualche scelta iniziale è stata poco felice. Deve rivedere le posizioni difensive.

Squadra 5

Il migliore: Dzemaili
Il peggiore: Ferrari

ROMA - BOLOGNA 3 - 0

Il posticipo serale dell'Olimpico evidenzia tutti i difetti del Bologna di questo periodo: nonostante un avvio importante, la squadra di Donadoni non ha saputo reggere la forza dei padroni di casa e ha dovuto soccombere alla velocità di manovra del reaprto avanzato giallorosso. La differenza tecnica era evidente, in più le assenze hanno pesato non poco (la mancanza di Verdi, una difesa inedita e un Destro fuori condizione, per questa squadra sono mancanze importanti), sul campo ha fatto la differenza un centrocampo che non è mai riuscito a tenere palla e ripartire ed una difesa sempre mal posizionata in campo. Sconfitta meritata e corretta che non modifica comunque gli obiettivi del Bologna.
Segnaliamo in ogni caso, anche se non ha influito sul risultato, l'ennesimo torto arbitrale che ha visto il portiere avversario abbattere Sadiq al limite dell'area (forse più dentro che fuori), e la terna ignorare del tutto l'episodio (per tacere del vergognoso commento Sky): sarebbe ora di smetterla.

mercoledì 2 novembre 2016

Le pagelle di Bologna - Fiorentina

Da Costa 6,5: alla fine non troppo impegnato, e nei pochi casi sempre attento
Mbaye 6: come al solito inizia in modo disastroso poi si riprende, quasi meglio da centrale
Gastaldello 4: che dire? tre errori in uno e partita regalata all'avversario
Helander 6: poco elegante ma comunque efficace
Masina 6: gioca con attenzione, confusionario in attacco
Pulgar 6: ordinato e attento, anche se non riesce a far ripartire la squadra

Dzemaili 6,5: sempre tra i migliori anche quando deve fare il difensore
Taider 6: ci mette impegno ma mai una volta riesce a lanciare il pallone in avanti
Verdi 6: pochi minuti prima dell'infortunio, ma risulta comunque il più pericoloso
Krejici 6,5: tra gli ultimi ad arrendersi, anche se spesso poco preciso
Floccari 5: aveva il compito di alzare la squadra ma non si fai mai vedere

Rizzo 5,5: mai in partita
Sadiq 5,5: qualche sprazzo ma poco altro

Di Francesco sv


Donadoni 6: sostituzioni obbligate, la squadra è stata anche reattiva nel momento negativo, ma i troppi errori difensivi iniziano a pesare.

Squadra 5,5

Il migliore: Dzemaili
Il peggiore: Gastaldello

BOLOGNA - FIORENTINA 0 - 1

Continua il percorso di alti e bassi del Bologna che nel derby dell'Appennino si danneggia da solo, buttando al vento la partita come già contro il Genoa.
La Fiorentina si presenta al Dall'Ara con la voglia di fare risultato e con un organico che conferma tale impegno, ma l'inizio vede solo un gran possesso di palla, mentre la prima occasione arriva dalla punizione di Verdi. La sfortuna (!?) però si accanisce contro i rossoblu che perdono proprio Verdi, per un maldestro intervento da dietro neppure sanzionato dall'arbitro. Il fatto che però determina la partita però avviene alla mezz'ora, quando un lancio dalla difesa viola trova impreparato Gastaldello che pensa bene di atterrare l'attaccante Kalinic: il direttore di gara, che non aspettava altro, fischia rigore e espulsione (che poi il rigore ci poteva stare ma sarebbe da discutere sul rosso, tra l'altro secondo le regole deliranti del calcio italiano su il difensore fosse entrato in scivolata non sarebbe stato espulso).
La partita si delinea con la Fiorentina a fare possesso di palla e i rossoblu a cercare una ripartenza; ci sarebbe anche l'episodio per l'espulsione di un giocatore viola entrato a piede a martello sulla caviglia di Mbaye, ma per l'arbito sempre nulla. 
Alla fine dunque arriva la sconfitta, anche se i nostri hanno cercato il pareggio fino alla fine, e sarebbe stato da vedere con 11 uomini in campo e un arbitro imparziale (che chissa se vedremo mai in campo quando gioca il Bologna).